Il lago della Muzelle
>>
Iniziale
>
A piedi
>
Il lago della Muzelle
Les Deux Alpes

Il lago della Muzelle

Geologia
Lago e ghiacciao
Incorpora questo articolo per accedervi offline

Questa camminata permette di entrare in una foresta di resinosi e di fagi fino al rifuio ed al lago della Muzelle.

Salire al lago della Muzelle equivale a convivere col passato. Innalzarsi lungo le cascate sulle tracce dei pastori. Scoprire, ultima ricompensa, il lago in cui si mira l’imponente ghiacciaio sospeso. Conforto del rifugio, quiete pastorale, magici istanti.

André Brun,ex-guardia-istruttore del settore della Muzelle.


6 I patrimoni da scoprire
Storia

Un po’ di storia del vallone della Muzelle

Alla fine dell’Ottocento, la foresta era pressoché inesistente, ridotta per privilegiare l’attività pastorizia (sulle alture) e la cultura dei cereali, principalmente dell’orzo, sopra le zone abitate. Intorno al 1945, le frazioni più in alto come quella di Laffreyte sopra Bourg d’Arud, si sono svuotate dei loro abitanti. Oggi, la foresta ha preso il sopravvento, nascondendo il ricordo di alcuni ruderi sotto al sentiero. Prima dell’avvento dell’automobile, quest’itinerario del lago poi del colle della Muzelle era molto usato dagli abitanti di Venosc per passare nella valle vicina, del Valbonnais.
Leggere di più
Pastoralismo

Un vallone di pastoralismo

La configurazione del sito ne fa un territorio molto favorevole al pastoralismo da molti secoli. Questa zona di alpeggio viene affittata nell’Ottocento e nel Novecento a dei transumanti del sud della Francia. Anche i greggi locali di Venosc ed in particolare della frazione di Laffreyte vi si recano. All’epoca, i primi animali portati in montagna ogni anno sono le mucche, poi in seguito gli ovini. Dal 1980, un gregge di pecore di circa 1200 capi transuma dalle Alte Alpi sin dal mese di giugno e trascorre l’estate su quest’alpeggio.
Leggere di più
Flora

Torbiera della Muzelle

La zona umida, attraversata poco prima di arrivare al lago della Muzelle, trabocca di una sorprendente biodiversità. Rimanenza di un grande lago proveniente dal ritiro glaciale, questa palude si è riempita piano piano di vegetali fino a formare la torbiera più grande della valle del Vénéon. Sin da diverse generazioni, i pastori hanno utilizzato la sua torba come combustibile. Oggi la sua estrazione è vietata. Il luogo è protetto da recinti nell’ambito di una misura agri-ambientale.
Leggere di più
Geologia e geografia

Faglia di Ser Barbier

La faglia di Ser Barbier mette a contatto uno zoccolo cristallino (picco di Venosc) e un deposito marnoso (colle del Vallone). Si è formata nel giurassico durante l’apertura del mare Téthus, tramite rottura e cedimento del massiccio cristallino. Il fregamento delle due parti ha creato un bello specchio striato ben liberato dall’erosione.
Leggere di più
Flora

Fauna e flora della torbiera

La torbiera è un ambiente molto particolare che, per definizione, produce della torba. Ha l’aspetto di un tappeto spugnoso di sfagni, vegetali imbevuti di acqua simili al muschio che si accumulano col tempo. Il loro studio scientifico permette di descrivere l’evoluzione dei climi e della vegetazione simultaneamente. Le torbiere si notano da lontano quando l’erioforo fiorisce. Etimologicamente, il suo nome (linaigrette) indica un « portalana » : i suoi ciuffi lanuginosi ed il suo aspetto cotonoso ne fanno una pianta facile da identificare. Potrete anche incontrare nei dintorni un animale molto attivo quando il tempo è umido : la rana rossa. È un batracio resistente al freddo e quindi molto adatto all’ambiente di montagna. Il ventre giallo e la grande macchia scura dietro l’occhio, che ingloba il timpano, sono due caratteristiche facilmente osservabili della specie.
Leggere di più
Rifugio

Il rifugio della Muzelle

Il fondo del vallone viene a scontrarsi con le pareti della roccia dellla Muzelle, dal picco del Clapier del Peyron e della testa della Muraillette. La storia moderna di questo luogo è segnata dall’alpinismo. Il 2 luglio del 1875, Coolidge, guidato da Almer padre e figlio, aprì la vie normale alla roccia della Muzelle passando dalla faccia est-nord-est ed il crinale nord-est. A quell’epoca, anche se una capanna da pastore serviva da rifugio agli alpinisti, il bivacco era ancora adatto nel vallone della Muzelle. Nel 1967, proprio in questo circo sassoso, il comune ha edificato il rifugio ai bordi del lago della Muzelle.
Leggere di più

Descrizione

Dal parcheggio che fiancheggia la riva sinistra del Vénéon subito dopo il ponte, prendere la via stretta che porta al fondo dellal frazione dell’Alleau. Passare il ponticello e prendere il sentiero lastricato che sale in pendio ripido nella foresta. Dopo alcuni tornanti, una lunga traversata riposante permette di giungere al «Cerisier » (Ciliegio), un gruppo di case diroccate. Proseguire sul sentiero che costeggia il torrente della Muzelle sulla sua riva sinistra. I suoi tornanti giungono ad alcune cascate benvenute quando fa molto caldo. Quando arriva ai piedi di un grande pendio di scisti, il sentiero attraversa il torrente e zigzaga in numerosi tornanti per raggiungere una bella prateria, poi una conca riempita da una torbiera. Si sbuca per forza su una piccola gobba per vedere il lago della Muzelle ed il suo rifugio. Ridiscendere da questo stesso sentiero.

Partenza : L'Alleau, Vénosc
Comune attraversato : Les Deux Alpes

Profilo altimetro


Zone di sensibilità ambientale

Lungo il suo percorso, attraverserà zone sensibili legate alla presenza di una specie o di un ambiente particolare. In queste zone, un comportamento adeguato può contribuire alla loro conservazione. Per informazioni più dettagliate, sono disponibili schede specifiche per ogni zona.
Falco peregrino
Aree di attività interessate :
,
Periodi di sensibilità :
febmaraprmaggiu
Contatto :
Parc National des Écrins
Julien Charron
julien.charron@ecrins-parcnational.fr
Biancone
Aree di attività interessate :
,
Periodi di sensibilità :
maraprmaggiulugagoset
Contatto :
Parc National des Écrins
Julien Charron
julien.charron@ecrins-parcnational.fr

Raccomandazioni

Cani per la protezione del gregge

En alpage, les chiens de protection sont là pour protéger les troupeaux des prédateurs (loups, etc.).

Lorsque je randonne, j’adapte mon comportement en contournant le troupeau et en marquant une pause pour que le chien m’identifie.

En savoir plus sur les gestes à adopter avec le dossier Chiens de protection : un contexte et des gestes à adopter.
Racontez votre rencontre en répondant à cette enquête.
Nel cuore del parco
Il Parco Nazionale è un territorio naturale, aperto a tutti, ma soggetto ad un regolamento che è utile conoscere per preparare il vostro soggiorno.


Luoghi di informazione

Casa del Parco dell'Oisans

Rue Gambetta, 38520 Le Bourg d'Oisans

http://www.ecrins-parcnational.fr/

oisans@ecrins-parcnational.fr

04 76 80 00 51

Video di presentazione delle risorse naturali della montagna Oisans e l'artigianato. Informazioni, informazioni sul parco, proiezioni, angolo lettura per i bambini. Accessibile alle persone con mobilità ridotta. Ingresso libero. Tutte le animazioni del Parco sono gratuite salvo indicazione contraria.
Saperne di più

Trasporto

Fermata autobus : l’Alleau


Accesso stradale e parcheggi

Dal Bourg-d’Oisans, seguire la D1091, poi prendere la direzione La Bérarde dalla D530. Nel Bourg d’Arud girare a destra dopo il ponte sul Vénéon e raggiungere l’Alleau.

Parcheggio :

Dopo il ponte dell’Alleau, lungo il Vénéon.

Leggi di più


Autore

Parc national des Ecrinshttps://www.ecrins-parcnational.fr

Segnala un problema o un errore

If you have found an error on this page or if you have noticed any problems during your hike, please report them to us here: