Rando Ecrins

La cabane de Jas Lacroix

2 h
Durata
Facile
Facile
Andata e ritorno
Andata e ritorno
9,0 km
Lunghezza totale
371 m
Dislivello
Utilizzo
  • A piedi
Tema
  • Fauna
  • Flora
  • Pastoralismo

Departure : Entre les Aygues, Vallouise

Una passeggiata facile verso la baita dell’alpeggio Jas-Lacroix, nella frescura della zona del torrente Selle.

"In primavera, prima dell’arrivo delle greggi in valle, può capitare di osservare, la mattina presto, i camosci davanti alla baita dell’alpeggio. Vengono a leccare le pietre sulle quali l’estate precedente il pastore ha messo il sale per le pecore"

Blandine Delenatte, guardaparco in Vallouise

Imboccare il sentiero a sinistra all’inizio del parcheggio. Al primo bivio seguire il sentiero a sinistra (GR54) in direzione del "Colle dell'Aup Martin” che sulla passerella attraversa il torrente Onde. Seguire gli ometti in pietra nel letto dell'Onde per raggiungere il sentiero che segue il torrente Selle e conduce alla baita, dove c’è anche un riparo per gli escursionisti del  GR54 (Tour dell'Oisans e degli Écrins). Per la discesa percorrere lo stesso sentiero dell’andata o continuare verso il Colle dell'Aup Martin, il punto più alto del GR54, a 2761 m.

Transport

Navetta da Vallouise a Entre les Aygues, da prenotare almeno 36 ore in anticipo (0033(0)4 92502505).

Accesso

A Vallouise, di fronte alla chiesa seguire la stradina a destra in direzione di Puy Aillaud. A Villard de Vallouise continuare diritto sulla strada che attraversa la borgata e si infila nella valle dell'Onde.

Ufficio Informazioni

Casa del Parco dello Vallouise

Informazioni, documentazione, modelli, mostre, proiezioni, vendita di prodotti e opere del Parco. Visite guidate per le scuole, prenotazione obbligatoria. Il nuovo Park House inaugurato nel Vallouise dal 1 ° giugno, e offre ai visitatori una mostra permanente interattiva che invita a esplorare la zona e il suo patrimonio. Uno spazio espositivo temporaneo consentirà una rinnovata offerta. Infine, il dispositivo è completato da una sala audiovisivi per organizzare proiezioni e conferenze Ingresso gratuito. Tutte le animazioni del Parco sono gratuite salvo indicazione contraria.


05290 Vallouise

Sito web - Email - 04 92 23 58 08

Lat: 44.84641, Lng: 6.48839

Questo itinerario si snoda nella parte centrale del Parco Nazionale, siete inviatati a leggere le regole di accesso.

Cliccare per interagire con la mappa

Sul percorso...
Flora
La betulla bianca

Sulle rive dell'Onde, appena attraversata la passerella, il sentiero in ciotoli si infila tra le betulle, facilmente riconoscibili dalla sottile corteccia bianca che, contenendo catrame, rimane intatta anche quando il legno è già putrefatto da tempo. Nelle regioni boreali fu uilizzata come pergamena e come tannino, mentre nelle nostre zone era utilizzata soprattutto per confezionare delle scope utilizzando i rami giovani.

Feuille de bouleau
Fauna
La zygaene transalpina

Fa parte del gruppo di trenta specie di zygaene presenti in Francia. Una piccola falena dal volo diurno, con ali allungate e macchie rosse su uno sfondo nero talvolta tendente al blu. I colori vivaci avvisano gli eventuali predatori della loro tossicità. Questa falena è in grado di carpire dalle piante ospiti dei composti chimici simili al cianuro, per poi secernere questo veleno attraverso la bocca e le articolazioni nel momento del pericolo.

Zygène transalpine
Flora
Il senecione mezzano 

Non passa inosservato ai lati del sentiero nel mese di giugno, con i suoi grandi fiori gialli come il sole. Le foglie carnose e grigiastre sembrano essere cresciute attraverso una tela di ragno. A fine luglio il senecione mezzano è irriconoscibile: le foglie sono diventate verdi e hanno perso la peluria grigia, mentre i fiori, appassiti, hanno lasciato il posto ai desakènes (semi) dotati di un’egretta bianca che ne permette lo spargimento per mezzo del vento. Gli anziani le paragonavano alla capigliatura di un vecchio (“senex” in latino), da qui il nome di senecione.

Séneçon doronic
Flora
L'euforbia cipressina

Chiamata anche erba lattona a causa del liquido bianco e appiccicoso che fuoriesce dai tagli, un lattice tossico e irritante. La si riconosce facilmente dalle foglie strette e molli e dai fiori particolari, con colori cangianti, raggruppati in infiorescenze. Osservandola da più vicino si distingue nel centro una sorta di “coppa” composta da due brattee, un fiore femmina ridotto a una pallina (l'ovario), e dei fiori maschi, ognuno ridotto a uno stame e quattro ghiandole nettarifere a forma di croissant.

Euphorbe faux cyprès
Fauna
Il grillo "Popeye"

Nell’alpeggio nel mese di agosto decine di grilli saltano e si confondono tra l’erba a ogni nostro passo. Tra tutti i grilli il più curioso è sicuramente il gomphocerus sibiricus, nome che deve alla sua grande resistenza al freddo. Il maschio è anche soprannominato “grillo Popeye", perché le sue zampe anteriori sono dilatate come delle ampolle. Senza questa caratteristica anatomica e senza il suo lungo e uniforme “crè-crè-crè-crè”, che si conclude con qualche "crè" isolato che il grillo ripete per attirare una femmina, potrebbe passare inosservato, mimetizzato tra il verde e il marrone del prato.

Gomphocère des alpages
Flora
L'ontano verde

L'arbusto cespuglioso forma inestricabili grovigli, rifugio ideale per uccelli e camosci che vi cercano frescura e tranquillità. L’ontano verde è un pioniere, che non ha paura di installarsi nei terreni ripidi e poveri. Le sue radici resistenti gli permettono di aggrapparsi laddove tutto scivola via. La sua flessibilità gli consente di curvarsi sotto il peso della neve, permettendo alle valanghe di scivolargli sopra. Gli amenti maschio giunti a maturità penzolano, esponendo il giallo pallido dei giovani fiori. Gli amenti femmina danno frutti caratteristici, delle specie di piccole pigne prima verdi poi marroni, che resistono tutto l’anno.

Aulne vert
Fauna
Il codirosso spazzacamino

Il Signor Codirosso spazzacamino sfoggia un piumaggio grigio con una macchia bianca sulle ali,  coda e codrione rossi. Uccello piuttosto diffuso e attivo, ama gli ambienti rocciosi e caccia instancabilmente gli insetti in volo o a terra. Lancia brevi grida di allarme flettendo le zampe, appollaiato su una roccia o un muro di pietre. Il suo canto ciarliero alternato a un rumore come di "spiegazzamento di carta” è caratteristico. Parzialmente migratore, rimane in quota durante l’estate, ma scende poi a valle per trascorrere l’inverno.

Rougequeue noir mâle
Fauna
Il camoscio

In estate, nelle ore più fresche della giornata, si possono osservare i camosci occupati a brucare. Quando il sole scalda la valle, preferiscono coricarsi all’ombra degli ontani o rimanere sui nevai. Olfatto e udito particolarmente sviluppati fanno si che sia molto difficile avvicinarsi. Tanto vale avere un binocolo per osservarli! Se le corna sono molto piegate si tratta di un maschio, se invece sono aperte è una femmina. Se non sono più lunghe delle orecchie si tratta di un esemplare giovane, entro il secondo anno di vita. Se le corna spuntano a malapena, allora è un capretto.

Chamois mâle dans le vallon de Celse Nière
Pastoralismo
La pastorizia nella valle della Selle

Tra il Colle dell’Aup Martin e Entre les Aygues la valle della Selle forma l'alpeggio comunale di Vallouise che durante l’estate è luogo di pascolo per un gregge di pecore, una mandria di mucche, qualche cavallo e gli asini che accompagnano il pastore, che non si limita a sorvegliare e guidare le pecore sull’alpeggio con l’aiuto dei cani, ma le cura anche per prevenire la zoppina, un’infezione batterica dei piedi che potrebbe essere trasmessa alla fauna selvatica.

La bergère de Jas Lacroix
Flora
Il rabarbaro alpino

Intorno alla baita dell’alpeggio il rabarbaro alpino forma un mare di verde acceso. Questa specie condivide con il Farinello buon-enrico e con l’ortica un gusto smodato per il concime abbondante. Cresce quindi in vasti, fitti tappeti nei luoghi frequentati dalle greggi e intorno alla baita dell’alpeggio dove, con il suo vigore di germinazione e l’ombra umida delle ampie foglie, elimina la maggior parte degli altri vegetali. Sullo stelo il capo fiorale che pare un cero è composto da tantissimi fiori verdastri che, una volta giunti a maturazione, diventeranno dei frutti marroni e triangolari. E’ un rabarbaro selvatico del quale si possono cucinare i peduncoli delle foglie, carnosi, succosi e aciduli.

Rhubarbe des moines
Fauna
Lo stambecco, una specie sopravvissuta

Di fronte al pericolo lo stambecco non fugge ma si rifugia su una parete rocciosa, sulla quale si sente al sicuro. Una strategia che per millenni gli ha permesso di fuggire ai predatori della natura, ma che si è rivelata inefficace di fronte all’uomo dopo l’invenzione della balestra e del fucile. Il risultato è stato il rischio di estinzione nel XIX secolo. La specie è sopravvissuta solo grazie alla protezione messa in atto dall’Italia, che ha creato una riserva reale in quello che sarebbe poi diventato il Parco nazionale del Gran Paradiso.

Quatre bouquetins dans le massif des Cerces
Fauna
Lo stambecco delle Alpi

Nel 1995 sono stati reintrodotti nel Champsaur degli stambecchi. Da allora la popolazione cresce lentamente e popola progressivamente le valli del massiccio. Un piccolo gruppo di stambecchi viene a trascorrere la bella stagione tra le falesie della valle di Chanteloube, che sovrasta l’alpeggio di Jas Lacroix, sul lato sinsitro.Quasi sempre abbarbicati sulle rocce sono difficilmente visibili, ma dalla collinetta sopra la baita con una vista acuta si può avere la fortuna di vederli tra le rocce. 

Jean-Philippe Telmon anime une sorties observation des bouquetins
Pastoralismo
La baita dell’alpeggio e il rifugio per gli escursionisti

La baita dell’alpeggio di Jas Lacroix è il luogo in cui il pastore vive durante il periodo estivo, dove raduna il gregge per contare o curare le bestie. A destra della baita c’è un rifugio per gli escursionisti del GR54, tenuto in ordine da un volontario della valle. Vogliate lasciarlo pulito come vorreste trovarlo entrandovi.

La cabane de Jas-Lacroix

Profilo altimetrico

Quota (m)

Min : 1599 m - Max : 1937 m

Distanza (m)

 

Consigli

La strada che permette di accedere al parcheggio è chiusa durante l’inverno e viene aperta più o meno tardi in primavera, in base al rischio valanghe e all’innevamento del colle. Se c’è ancora neve munirsi di ramponi per raggiungere il colle. Non disturbate il lavoro dei pastori e non turbate la loro tranquillità alla baita dell’alpeggio.

Ulteriori informazioni