Rando Ecrins

Il rifugio del Sélé

6 h 15
Durata
Difficile
Difficile
Andata e ritorno
Andata e ritorno
13,2 km
Lunghezza totale
1057 m
Dislivello
Utilizzo
  • A piedi
Tema
  • Fauna
  • Flora
  • Rifugio

In una cornice di altissima quota, quest’escursione attraversa una valle dalle mitiche montagne e conduce a due rifugi varcando pericolosamente alcune falesie.

Sin dal 1913, lo stato francese, tramite l’amministrazione delle Acque e Foreste, compra dei terreni ad alcuni comuni. Così il vallone di Celse Nière beneficiò di una protezione molto prima della creazione del Parco Nazionale degli Ecrins nel 1973.

Dal parcheggio, risalire la valle del Sélé passando dal sentiero che segue la riva sinistra del torrente di Celse Nière. Dopo una lunga salita in falsopiano, il sentiero risale ripidi tornanti fino al bivio con il sentiero del rifugio del Pelvoux (1993m). Proseguire sempre dritto tramite grandi traversate che portano ai piedi di una falesia molto ripida. Un largo sentiero permette di afferrare dei cavi che risalgono questa faccia prima sulla destra poi attraversando sulla sinistra. All’uscita della falesia, risalire il buon sentiero che gira decisamente sulla destra per arrivare alla cima del promontorio roccioso dove si trova il rifugio.

Transport

Stazione SNCF all’Argentière-la-Bessée, spola dall’Argentière a Ailefroide durante la stagione estiva (pensate a prenotare 36h prima su 05voyageurs o allo 04 92 502 505).

Accesso

Dalla N94 all’Argentière, prendere la direzione di Vallouise, poi di Pelvoux. Raggiungere quindi la frazione di Ailefroide passando dalla D994F.

Ufficio Informazioni

Casa del Parco dello Vallouise

Informazioni, documentazione, modelli, mostre, proiezioni, vendita di prodotti e opere del Parco. Visite guidate per le scuole, prenotazione obbligatoria. Il nuovo Park House inaugurato nel Vallouise dal 1 ° giugno, e offre ai visitatori una mostra permanente interattiva che invita a esplorare la zona e il suo patrimonio. Uno spazio espositivo temporaneo consentirà una rinnovata offerta. Infine, il dispositivo è completato da una sala audiovisivi per organizzare proiezioni e conferenze Ingresso gratuito. Tutte le animazioni del Parco sono gratuite salvo indicazione contraria.


05290 Vallouise

Sito web - Email - 04 92 23 58 08

Lat: 44.84641, Lng: 6.48839

Questo itinerario si snoda nella parte centrale del Parco Nazionale, siete inviatati a leggere le regole di accesso.

Cliccare per interagire con la mappa

Sul percorso...
Fauna
Capriolo

Nascosto nei boschi di larici, talvolta il capriolo fa vedere la sua testa fine all’alba ed al crepuscolo. Non è sempre facile scorgere quest’animale discreto ma alcune tracce possono tradire la sua presenza, come l’impronta a forma di cuore dei suoi fragili zoccoli o i tronchi di arbusti scortecciati dallo sfregamento dei giovani legni del capriolo di un anno per toglierne gli ultimi brandelli di velluto. E a volte, risuona nel bosco un latrato sonoro e gutturale.

Deux chevrettes du printemps
Fauna
Rampichino dei boschi

Il rampichino dei boschi è un uccellino compatto e agile. Il suo becco è lungo e ricurvo, la sua coda è fatta di piume rigide. Le sue lunghe dita sono provviste di unghie aguzze. Si tratta di adattamenti all’esplorazione delle cortecce dei larici nelle quali egli caccia insetti ed altri ragni che costituiscono la sua alimentazione per tutto l’anno.

Grimpereau des bois
Fauna
Luì di Bonelli

Questo piccolo passerotto comune si vede raramente ma si sente spesso. È l’interprete di un canto di alcuni secondi, di una decina di note ripetitive, che diventa rapidamente identificabile, anzi ossessivo. Il maschio canta quasi tutto l’anno, da aprile a giugno, poi soltanto il mattino nel mese di luglio. Non appena il temporale si allontana e gli alberi sgocciolano, egli ricomincia già a cantare. A fine agosto, maschi e femmine partono per le savane alberate dell’Africa, seguiti dai giovani dell’anno.

Pouillot de Bonelli
Fauna
Merlo d’acqua

Tarchiato, coda corta, becco affusolato, il merlo d’acqua è spesso inerpicato nel mezzo del torrente, su un blocco raso all’acqua. Riconoscibile dalla sua macchia bianca dal mento al petto, e dal resto del suo piumaggio fra rosso e grigio ardesia, quest’uccello si tuffa nelle acque gelide alla ricerca di larve acquatiche che rappresentano la parte più importante del suo menù.

Cincle plongeur dans la neige
Flora
Rododendro

Il rododendro, arboscello dai fiori ci un rosa carminio molto vivace, è spesso scortato da mirtilli, da ontani verdi ed altri piccoli salici. È caratteristico della zona di combattimento. Situato tra il limitare della foresta e gli ultimi alberi, questo spazio di transizione è particolarmente apprezzato dal fagiano di monte per nidificare e nutrirsi in perfetta tranquillità.

Rhododendron
Fauna
Epeorus

Questo bell’insetto vola raso all’acqua per fare le uova che si trasformeranno in larve acquatiche. Queste ultime vivranno fino ai due anni nel ruscello prima di mutarsi in un insetto perfetto, l’imago che, incapace di nutrirsi, vivrà solo qualche giorno ma garantirà la sua discendenza.

Epéorus sur la neige
Fauna
Piccola tartaruga

Quest’animale che non ha nulla di un rettile con il carapace, sfoggia delle carte vincenti fiammeggianti. La parte superiore delle sue ali di un arancione vivace, incastonate di ebano e orlate di lunule azzurre cerchiate di nero, compone la sua « parure ». Precoce, la piccola tartaruga è la prima farfalla che frequenta i fiori appena usciti dalla neve sui versanti meglio esposti delle montagne.

Petite tortue sur rhododendron ferrugineux
Flora
Veratro bianco

Il veratro bianco è un vegetale che sembra completamente verde, ma si distinguono i suoi fiori di un bianco verdastro non appena lo si avvicina. Le sue grandi e larghe foglie alternate lungo lo stelo permettono di distinguerlo dalla genziana, le cui folie sono opposte. Per gli amatori di aperitivi fatti in casa, è necessario fare la differenza perché se da una parte le radici della genziana servono a fare una bevanda apprezzata dai montanari, quelle del veratro, dall’altra parte, sono tossiche.

Vératre blanc
Flora
Lariceto

Si tratta di una foresta accogliente che cambia « parure » secondo la stagione : di un verde dolce in primavera e di un rosso dorato in autunno, è gracile e spoglia quando la neve ricopre la valle. Sempre luminoso, il lariceto accoglie greggi ed escursionisti, setaccia per loro la luce ed incoraggia il ascolo ed una ricca fioritura.

Les couleurs du mélézin
Fauna
Apollo

L’apollo è una grande farfalla protetta, di un bianco traslucido cosparso di macchie nere con quattro ocelli di un rosso luminoso. Ha bisogno del calore del sole per volare. Appena una nuvola passa, si posa su un cardo o qualche centaurea di cui apprezzerà il nettare. La chiusura degli ambienti ed inverni caldi in modo anormale hanno provocato la sua scomparsa da alcune regioni francesi. A torto, sembra eleggere domicilio nei ghiaioni ribelli ad ogni imboschimento denso.

Apollon sur rhapontique scarieux
Flora
Polystichum a forma di lancia

Questa felce slanciata, rigida e coriacea, apprezza particolarmente i ghiaioni grossolani dove cresce nelle anfrattuosità fresche che i blocchi e le rocce, intrecciandosi, le preparano. Nel Medioevo, veniva considerata come una pianta molto benefica per l’uomo. Capace di guarire tutte le affezioni, le veniva inoltre attribuito un carattere divino : laddove cresce, il fulmine ed il tuono non possono colpire, ed il Diavolo in persona ne rimane sconcertato.

Polystic en forme de lance
Flora
Genziana punteggiata

La genziana punteggiata, così come la sua sorella più grande, la genziana gialla, si riconosce dal suo portamento altero e dai suoi fiori gialli. Queste ultime presentano però la differenza di essere macchiettate di marrone e situate all’ascella delle foglie. Questa genziana cresce a gruppetti e si stende dalle Alpi ai Carpates, colonizzando i ghiaioni insieme a tutte le speci che amano le pietre e lo spazio.

Gentiane ponctuée
Fauna
Merlo dal piastrone

È facile da identificare perché, anche se indossa il piumaggio del merlo nero, si distingue da quest’ultimo dalla sua grossa pettorina bianca sul petto e dai passamano chiari sulle piume delle ali e del ventre. Questo merlo di montagna, selvatico, dal volo veloce, abita al limitare delle foreste di larici, di pini silvestri, di picee e di pini cembro, da quota 1000 a quota 2500.

Jeune merle à plastron
Fauna
Tichodroma muraria

La tichodroma muraria ispeziona la falesia appendendosi alla parete grazie alle sue zampe munite da lunghe dita ddagli artigli efficaci.  Il suo lungo becco affusolato le permette di stanare gli insetti meglio dissimulati nelle fessure più infime delle rocce. A questadestrezza si aggiunge un piumaggio di un rosso profondo che, durante le sue acrobazie aeree, le dà l’aspetto di una farfalla.

Tichodrome échelette femelle
Fauna
Camoscio

Animale emblematico delle Alpi, il camoscio è in realtà dappertutto a casa sua in montagna ed in particolare nel vallone di Celse Nière. Vi è protetto da molto tempo e ciò molto prima della creazione del Parco nazionale degli Ecrins. Con le sue corna nere e uncinate, questo vicino cugino delle lontane antilopi è dotato di un odorato e di un udito molto sviluppati che rendono difficile l’avvicinarlo. Alle capre ed ai capretti piace stare in branchi ; mentre i maschi più vecchi rimangono da soli fino al periodo deli amori, verso ottobre-novembre.

Chamois mâle, vallon de Celse Nière
Flora
Ghiaioni

Per il botanico, i ghiaioni sono un mosaico di ambienti molto contrastati e finemente aggrovigliati. Delle piante provenienti dagli ambienti dei dintorni condividono questo territorio, approfittando di ogni isolotto di humus. Si fa una distinzione fra i ghiaioni grossolani, definiti dalla loro stabilità, ed i ghiaioni fini, che sono mobili per via degli elementi più piccoli (ghiaia, sabbie, limi).

Flora
Sedo degli infedeli

Alcune piante strisciano ai vostri piedi ed altre si innalzano verso il cielo. Il sedo degli infedeli fa parte delle prime. Le sue foglie spesse formano delle rosine sparse fra i blocchi rocciosi del grande ghiaione sul quale serpeggia il sentiero. I suoi numerosi fiorellini di un rosso vinoso sono radunate all’estremità del suo stelo.

Orpin des infidèles
Fauna
Melanoplus frigidus

Il « melanoplus frigidus » fa parte delle cavallette più rappresentative dell’entomofauna alpina di alta quota. Si tratta di una specie orofila il cui habitat si trova dal livello alpino fino al limitare dei nevati. Il suo colore più o meno variegato è molto variabile, ma il suo corpo, date le condizioni meteo, è sempre ricoperto da peli. L’interno delle sue zampe è rosso, le sue elitre sono sfumate in modo distinto sulla parte posteriore.

Miramelle des frimas
Rifugio
Vecchio rifugio del Sélé

Realizzato nel 1925, il primissimo rifugio del Sélé si trovava a 2700m sotto una tettoia rocciosa che ha ceduto nel 1954. Fu ricostruito due anni dopo dall’impresa Ferdinand Bayrou di Briançon, sempre in legno, ma 600m più in giù del precedente. Ancora utilizzato come rifugio in inverno, è aperto in autonomia a partire dalla metà di settembre.

De la Bérarde à Ailefroide, le refuge du Sélé (3202 m)
Rifugio
Rifugio del Sélé

Questo rifugio di pietra che ricopre la barra rocciosa che chiude il vallone di Celse-Nière, fu costruito nel 1983 per sostituiro il vecchio riparo di legno diventato insufficiente. Quest’edificio moderno di 76 posti appartiene al Club Alpino Francese ; è custodito da metà giugno a metà settembre. È la porta d’ingresso verso le cime che hanno segnato la storia dell’alpinismo : Ailefroide, « la pointe des Bœufs rouges », « le Pic du Sélé »…

Le refuge du Sélé

Profilo altimetrico

Quota (m)

Min : 1516 m - Max : 2499 m

Distanza (m)

 

Consigli

Nella barra del Sélé, passaggio difficile attrezzato di cavi, esposto e molto scivoloso quando piove o c’è umidità. Campeggio vietato dopo Ailefroide, bivacco autorizzato a più di un’ora di camminata dei limiti del Parco nazionale. Fuochi vietati.

Ulteriori informazioni