Rando Ecrins

Il Colle di Freissinières

8 h
Durata
Difficile
Difficile
Andata e ritorno
Andata e ritorno
20,2 km
Lunghezza totale
1470 m
Dislivello
Utilizzo
  • A piedi
Tema
  • Colle
  • Fauna
  • Flora

Departure : Parcheggio delle Cascades, Freissinières

Un percorso vario tra boschi, alpeggi, morene e falesie percorse da cascate per raggiungere il Colle di Freissinières, conosciuto anche come Colle d'Orcières, a 2782 m.

"Scendendo dal Colle di Freissinières una mattina di luglio, quando la neve copriva ancora i versanti all’ombra, ecco due animali correre nella neve. Due caprioli a 2500 metri di quota! Che straordinaria capacità di adattamento!”

Blandine Delenatte e Jean-Philippe Telmon, guardaparco

Dal parcheggio delle Cascades imboccare il sentiero di sinistra, dove si trova l’ingresso del Parco nazionale, segnalato da tre pannelli informativi (lasciare a destra la passerella che porta al sentiero invernale). Attraversare il torrente Oules sul ponte e continuare sul sentiero a tornanti che passa accanto a una grossa cascata e poi attraversa una zona di ghiaioni. Il sentiero “estivo” è in una zona a rischio valanghe e non è percorribile in inverno. È largo e sale dolcemente, tanto che gli abitanti di Dormillouse si possono approvvigionare utilizzando delle carriole cingolate. All’incrocio successivo lasciare il sentiero di sinistra (lago del Fangeas, Colle des Terres Blanches) e rimanere su quello di destra. Continuare sul sentiero che porta a Dormillouse e, prima del ponte, prendere a sinistra seguendo il cartello per i laghi Faravel e Palluel e per il Colle di Freissinières.  Alla biforcazione successiva prendere il sentiero che sale a destra verso il Colle di Freissinières. Sul pianoro dell'Arduin proseguire a destra all’intersezione dei 4 sentieri, verso il Colle di Freissinières. Il sentiero entra nel bosco di larici e segue la riva destra della Biaysse risalendo la valle di Chichin. Oltrepassata la gola di Chichin su una piccola passerella si raggiunge la baita dell’alpeggio di Chichin, si costeggia il laghetto del Lauzeron per passare poi tra le morene e arrivare al colle. Si può tornare percorrendo lo stesso sentiero dell’andata o raggiungendo Prapic e tornando dal Colle des Terres Blanches in 2 giorni.

Transport

Stazione SNCF più vicina: l'Argentière les Ecrins - www.voyages-sncf.com poi taxi. (Taxi Pellegrin 0033(0)6 98881778 / Taxi Billau 0033(0)6 08034590)

Accesso

Dalla RN 94 a nord di la Roche de Rame seguire in direzione di  Freissinières sulla D38 e poi la D38B fino a Freissinières. Attraversare  Freissinières e poi seguire la D238 che parte a destra fino al parcheggio delle cascate, al fondo della valle, dove la strada finisce nei periodi dell’anno senza neve, quando la strada è chiusa.

Questo itinerario si snoda nella parte centrale del Parco Nazionale, siete inviatati a leggere le regole di accesso.

Cliccare per interagire con la mappa

Sul percorso...
Acqua
La cascate di Dormillouse

La valle della Biaysse, da Freissinières alla valle di Chichin conta una trentina di cascate, ed è un’ottima meta per scalare le cascate di ghiaccio durante l’inverno. L’impressionante cascata di Dormillouse fa parte di questo patrimonio locale.

026205
Storia
Origine di Dormillouse

Per qualcuno Dormillouse sarebbe il paese delle marmotte  (durmilhousa in occitano), ma il nome potrebbe anche derivare dall’associazione di due parole di origine pre-indoeuropea: tor e mel, entrambe con significato di “montagne”. Quel che è certo, è che nel VI secolo i Lombardi invasero l’Europa e, in seguito a una battaglia cruenta a Mont-Dauphin, i soldati sopravvissuti si rifugiarno nella valle di Freissinières, nella quale fondarono il paese chiamandolo "Dormil".

007746
Architettura
Mulino ad acqua

Il mulino si trova a Enflous. Un tempo veniva utilizzato per  macinare la segale coltivata nelle terre basse del villaggio.

004654
Storia
Degli edifici pubblici nel mezzo delle frazioni

Unico nel suo genere, il paese di Dormillouse è diviso in vari quartieri o frazioni, ognuno intorno ad un impianto pubblico : il mulino degli Enflous nel basso del paese, ; il tempio, la scuola e la fontana  agli Escleyers ; il forno dei Romans, nella parte alta del paese. Le abitazioni di pietra e legno sono caratteristiche dell’architettura di montagna su un sito isolato.

021973
Fauna
La cincia bigia

Questo passero discreto è sovente confuso con la cincia bigia alpestre, che vive più in alto. Il riconoscimento è in effetti difficile: il petto della cincia bigia è più piccolo, le ali sono di color scuro uniforme, mentre quelle della cincia bigia alpestre hanno una sfumatura leggermente più chiara e il cappuccio nero della cincia bigia è più brillante. Sedentaria, frequenta i boschi di latifoglie, i boschetti e i giardini, purché vi siano vecchi alberi cavi per nidificare. Non si avventura mai in quota tranne che nelle zone più soleggiate. A primavera non si lascia avvistare facilmente sui vecchi frassini, ma è facile sentirla: il canto della cincia bigia è molto tonico e sonoro ma, nonostante ciò, non ci rende la vita facile, diversificando le melodie come per meglio ingannare l’ornitologo amatore.

022264
Fauna
Il gallo forcello

Per riuscire ad avvistarlo durante l’estate bisogna alzarsi di buon mattino. In Francia il fagiano di monte, detto anche gallo forcello si trova solo nelle Alpi, a livello del limite superiore dei boschi di abete, dove si svolge il ciclo biologico di questo emblematico uccello: esibizioni per il corteggiamento, durante le quali i maschi cantano languidamente e si affrontano, nidiate estive sorvegliate dalle femmine e svernamento in una nicchia scavata nella neve. In inverno il fagiano di monte è particolarmente sensibile se viene disturbato, non essendo in grado di compensare l’energia spesa quando abbandona frettolosamente il suo igloo al passaggio di uno sciatore fuoripista o di un escursionista con le ciaspole.

021097
Fauna
Il sordone

Ruvido montanaro, il sordone è un passero robusto con il ventre paffuto. Sul dorso ha qualche tratto nero che ravviva il piumaggio color cenere e delle fiamme rosse ne segnano i fianchi in maniera inconfondibile. Abitante tipico delle praterie alpine, zampetta sul manto erboso e si pavoneggia sulle pietre, e si avvicina al rifugio per beccare le briciole. In inverno migra a valle, talvolta anche fino ai litorali. Quando le nevi si sciolgono è il temible predatore dei piccoli invertebrati intorpiditi dal freddo. Becchetta anche semi, bacche e piccoli vegetali, esplorando i pendii, gli anfratti, gira e rigira senza temere il suo nemico giurato, lo sparviero.

025333
Fauna
Il camoscio

Animale emblematico delle Alpi il camoscio, rupicapra rupicapra, ha corte e aguzze corna nere. Come lo stambecco, è più facile osservarlo con un binocolo. Le femmine e i loro piccoli (fino a un anno di età) preferiscono vivere in branchi di numerosi esemplari, mentre i maschi vivono isolati e raggiungono le femmine solo durante la stagione degli amori. Durante l’inverno i camosci hanno bisogno di molta tranquillità, perché per sopravvivere devono economizzare le riserve di grasso.

2012-07-04_chamois Sélé _TEJ_04
Flora
Il semprevivo montano

I semprevivi sono dei fiori rosa a forma di stella che si aprono su un piccolo  carciofo aggrappato a una roccia. Per distinguerli occorre osservarne il colore: rosa vivo per il semprevivo ragnateloso, il cui carciofo è percorso da fili bianchi, rosa spento per il semprevivo dei tetti, con gli steli alti e spessi, rosa antico per il semprevivo montano, che è completamente ricoperto da una peluria di corti peli ghiandolari che odorano di resina.

056026
Fauna
Il fringuello alpino

Appena sotto il colle di Freissinières uno stormo di uccelli dal volo rapido passa rumorosamente vicino al sentiero. Piumaggio chiaro, ali bianche dalle estremità nere, coda bianca con una striscia nera: nessun dubbio, sono dei fringuelli alpini. Tutto l’anno in alta montagna, non temono il freddo! Durante l’inverno cercano le creste sulle quali la neve è stata soffiata via dal vento e le pareti verticali senza neve. Se arriva un’abbondante nevicata, il fringuello alpino scende a valle per cercare qualche bacca o qualche seme.

026681
Flora
Il ranuncolo glaciale

Questa piccola pianta fa concorrenza ai licheni: è la pianta con fiori che detiene il record di altitudine in Europa! Si è adattata grazie ad un’altezza molto ridotta, calici e corolle che sopravvivono anche dopo la fioritura per proteggere i semi, foglie carnose e poco numerose che sopportano il gelo e ottima capacità ad economizzare una fioritura negli anni in cui l’innevamento è troppo abbondante o tardivo.

025570
Flora
L’erba storna dalle foglie rotonde

L’erba storna dalle foglie rotonde si è stabilita sui ghaioni instabili sotto il colle di Freissinières, utilizzando i suoi numerosi fusti striscianti tra le pietre per sopravvivere a questo ambiente in continuo movimento e poco ospitale. I suoi bei fiori raggruppati a forma di ombrello rallegrano il grigio delle pietre con un tocco di lilla. Le foglie sono piccole, carnose e quasi rotonde.

056020

Profilo altimetrico

Quota (m)

Min : 1437 m - Max : 2769 m

Distanza (m)

 

Consigli

Campeggio vietato nel parcheggio delle cascate (anche dentro i veicoli), bivacco autorizzato a oltre un’ora di cammino dai confini del parco. Vietato accendere fuochi nel Parco.

Ulteriori informazioni

Marcature
  • Marcature PR PR