Rando Ecrins

Giro della Piccionaia nel circo del Gioberney

5 h 15
Durata
Media
Media
Giro
Giro
9,9 km
Lunghezza totale
1047 m
Dislivello
Utilizzo
  • A piedi
Tema
  • Lago e ghiacciao
  • Pastoralismo
  • Rifugio

Departure : Dal parcheggio del Gioberney → Arrival : Gioberney

Nel cuore della valle del Valgaudemar, quest’itinerario propone dei punti di vista eccezionali sulle cime mitiche ed i loro ghiacciai. Un condensato di montagna !

« L’Himalaya français ». Con queste parole, il grande alpinista Gaston Rebuffat descrisse la valle del Valgaudemar. Cosa aggiungere ? Qui, la verticalità dei versanti potrebbe sembrare opprimente. Le cime costeggiano vertiginosamente il cielo. Verso di esse, lo sguardo si alza lentamente come a cercarne l’estremità. Opprimente, verticale, austero… ma così forte, selvaggio e fragile nello stesso tempo. Molto semplicemente bello !

Régis Jordane, guarda-istruttore nel Valgaudemar.

Dal parcheggio del Gioberney, questo giro permette di raggiungere il rifugio del Pigeonnier salendo nel circo della Muande di Bellonne. La discesa si effettua passando dal circo del Vaccivier. Voltando le spalle allo chalet-rifugio, prendere il sentiero che si presenta di fronte. Dopo 200 m, lasciare un sentiero che porta al Lago del Lauzon e continuare di fronte a voi (la variante del lago di Lauzon allunga di 45 mn). Da quel momento, la salita fino al rifugio del Pigeonnier è sostenuta ma prendere il tempo di alzare gli occhi permette di scoprire ad ogni passo le alte cime ed i ghiacciai che le circondano. Seguire l’indicazione «Refuge du Pigeonnier ». Dopo 2h30 di salita a tornanti, il rifugio svetta a 2423 m simile ad un nido d’aquila. Da qui, la vista sulle Rouies è sorprendente. Dopo una possibile e meritata sosta, proseguire sul sentiero che precipita verso il Vaccivier. Seguono 20 mn durante le quali il sentiero prosegue a strapiombo del vallone del Gioberney. Dopo questo breve passaggio aereo, la discesa si fa senza difficoltà seguendo l’indicazione « Rifugio del Gioberney ». I tornanti della soglia glaciale del Vaccivier permettono di raggiungere allora il vallone del Gioberney e di scoprirvi, al limitar di un sorprendente larice, la capanna del Gioberney, chiamata « de la Crotte ». L’arrivo è imminente.

Transport

Staffetta da Saint_Firmin in estate e collegamento con gli autobus che vengono da Gap e Grenoble.

Accesso

A 26 km fi Saint Firmin, dalla D58, la D958a fino alla Chapelle en Valgaudemair, poi la D480t fino alla fine, il parcheggio del Gioberney.

Ufficio Informazioni

Casa del Parco dello Valgaudemar

Informazioni, documentazione e una reception con mostre permanenti e temporanee. La Maison du Parc è etichettato "Turismo e disabilità". Ingresso libero. Tutte le animazioni del Parco sono gratuite salvo indicazione contraria.

Ancien Asile Saint-Paul
05800 La Chapelle-en-Valgaudemar

Sito web - Email - 04 92 55 25 19

Lat: 44.81836, Lng: 6.19371

Questo itinerario si snoda nella parte centrale del Parco Nazionale, siete inviatati a leggere le regole di accesso.

Cliccare per interagire con la mappa

Sul percorso...
Rifugio
Châlet-Hôtel di Gioberney

La costruzione dello chalet-hötel di Gioberney ha cominciato durante la Seconda Guerra mondiale nell’ambito di cantiere di giovinezza. Ha permesso ad alcuni giovani della valle di evitare il Servizio del lavoro obbligatorio (STO). Le pietre del fabbricato sono state prese sul posto, tagliate e messe in opera con calcestruzzo. All’epoca, la strada del Gioberney non esisteva ancora, nascerà solo nel 1963. Bisognava quindi salire a piedi o, per gli « intellettuali stanchi », farsi aiutare da un mulo per accedere al rifugio. La frequentazione non è stata molto importante fino alla realizzazione della strada.

007040
Fauna
Serotino di Nilsson

Il serotino di Nilsson è un pipistrello boreale, relitto glaciale nell’arco alpino. Adatta al freddo, resiste a delle temperature vicine ai -7°C su brevi periodi. Il serotino di Nilsson è una specie discret ache vive nelle foreste boreali cosparse di zone umide. Caccia talvolta vicino all’illuminazione pubblica, uno dei rari posti dove è più facile osservarlo. La cattura di femmine su questo sito permette di credere alla presenza di una colonia nel Gioberney. Si tratterebbe della prima colonia di riproduzione conosciuta in Francia.

Flora
Gli ambienti

Da 1600 m a 2450 m di altitudine, quest’itinerario è un invito a viaggiare attraverso diversi ambienti. Dai mirtilli ai rododendri al minerale dei ghiaioni, questo viaggio sarà ritmato dalla traversata di diversi ambienti dalla fauna e dalla flora specifiche.

Lande à myrtilles
Fauna
Rana rossa

A volte nell’acqua, a volte fuori, è l’anfibio delle vette. Insieme al tritone alpestre, occupa la minima pozzanghera fino ad altitudini impressionanti (2800 m). In letargo durante più di 8 mesi a causa della rigidità dell’inverno, rimane un simbolo dell’adattamento all’altitudine. In inverno, si arena oppure sdruscia fuori dall’acqua sotto delle foglie, un ceppo, un masso… per ripararsi dal gelo. Deposita in media fino a 4000 uova perché, con queste condizioni climatiche e con la predazione (tritoni, pesci…), solo alcuni individui diventeranno adulti per assicurare la perennità della specie. Un ottimo esempio di adattamento alla specie !

Grenouilles rousses
Ghiacciao
I ghiacciai

Il circo glaciale del Gioberney propone un panorama a 180° sui magnifici ghiacciai delle Rouies, dalla Condamine fine ai piedi dei Bans… Oggi si sta ritirando e ci rimangono delle lastre levigate dall’azione erosiva dei mostri di ghiaccio, come testimonianza della loro presenza passata.

Glacier de la Condamine
Cima
Le vette

Nel fondo del Valgaudemar, questo giro permette di misurare pienamente lo spettacolo di quest’ “Himalaya delle Alpi”. Questo circo del Gioberney è coperto di stupende vette che superano felicemente i 3000 m di altitudine. Da ovest verso est, Les Rouies con i suoi 3589 m, Il Pic du Says (3420 m), il Monte Gioberney (3352 m), la Pointe Richardson (3312 m), i famosi Bans (3505 m) e gli Aupillous a 3458 m. Con tre circhi glaciali che formavano un tutt’uno e queste alte vette, si tratta qui di alpinismo vero e proprio.

Les Bans et le pic des Aupillous
Rifugio
Rifugio del Pigeonnier

Inerpicato a 2423 m, ai piedi delle Rouies, questo nido d’aquila è stato restaurato all’inizio del 2000. Usa l’energio solare e propone wc asciutti, segno dell’integrazione ambientale dell’edificio. Situato quasi al punto culminante di questa gita, offre spesso l’occasione di una piccola pausa salutare ai bordi dello stagno attiguo.

Le refuge du pigeonnier
Fauna
Aeshna dei gionchi

Nei pressi del piccolo stagno del rifugio del Pigeonnier, potrete avere la sorpresa di veder questa grande libellula mentre sta cacciando. Una delle poche ad esercitarsi a tali altitudini. La parte essenziale della sua vita si svolge allo stadio larvale subacquatico.Diversi anni sotto l’acqua saranno necessari a questo grande predatore per finire la sua crescita e raggiungere la maturità sessuale. Da quel momento in poi, l’uscita dall’ambiente acquatico è necessario perché possa trasformarsi in un imago volante (adulto). Questo stadio adulto dura solo qualche settimana con la riproduzione come unico obiettivo. Accoppiamenti in volo e deposizione delle uova alla superficie dell’acqua si concatenano per chiudere il suo ciclo con…la morte.

Aeshne des joncs
Fauna
Stambecco delle Alpi

Lo stambecco delle Alpi a rischiato di scomparrire nell’Ottocento. Deve la sua sopravvivenza alla protezione operata in Italia e nel Parco nazionale della Vanoise che ospitavano l’ultima popolazione. Dall’inizio del programma di reinserzione della specie cominciato con successo  nel 1989, il signore delle vette a ritrovato il suo posto nel massiccio degli Ecrins. Il circo del Gioberney è un luogo di predilezione per il parto, all’inizio dell’estate, e propizio alla quiete necessaria a questa specie. Chissà, forse sorprenderete la massiccia e maestosa sagoma di un maschio o di un giovanissimo capretto mentre sta dando una dimostrazione delle sue innate qualità di alpinista.

Bouquetin des Alpes
Pastoralismo
Vivere al ritmo delle pecore

Malgrado quest’austero rilievo, la valle del Valgaudemar accoglie da secoli un’attività di pastorizia intensa che ritma la vita degli abitanti dalla primavera fino alle prime nevicate. Qua e là, scoprirete quindi una capanna di pastore sotto lo sguardo sempre sorpreso delle pecore che provengono dagli allevamenti della valle. I greggi sono costituiti dalle razze « Métisses », « Thônes et Marthod », « Lacaune » e « Mérinos », particolarmente adatte alle esigenze di questo rilievo.

Brebis sur l'alpage
Pastoralismo
L'alpage du Gioberney

En été, l'alpage du Gioberney accueille environ 1000 moutons. Il est découpé en quartiers que le berger fait pâturer tout au long de l'estive en tenant compte de la météo et de la ressource alimentaire disponible. Tandis que Tirière est pâturé en juillet (le berger tient les bêtes dans la partie basse pour optimiser l 'alpage et maintenir les buissons envahissants), par la suite c'est le plateau jusqu'au sommet de la Chauvetane que les animaux consomment.

Berger et brebis du Gioberney

Profilo altimetrico

Quota (m)

Min : 1629 m - Max : 2440 m

Distanza (m)

 

Consigli

La salita fino al rifugio del Pigeonnier è importante. Notare un breve passaggio sospeso, 20 minuti dopo il rifugio.

Ulteriori informazioni