Rando Ecrins

Colle dell'Aup Martin

8 h
Durata
Difficile
Difficile
Andata e ritorno
Andata e ritorno
20,5 km
Lunghezza totale
1247 m
Dislivello
Utilizzo
  • A piedi
Tema
  • Cima
  • Colle
  • Fauna

Departure : Entre les Aygues, Vallouise

Con i suoi 2761 m di quota il colle dell'Aup Martin è il punto più alto del GR54, Tour degli Ecrins e dell'Oisans. I nevai gelati che rimangono fino a inizio estate o i ghiaioni scivolosi di scisto possono creare qualche difficoltà.

"Tra i ghiaioni instabili di scisto nelle vicinanze del colle cresce un piccolo fiore raro, rosa o bianco, dai petali distanziati gli uni dagli altri: la sassifraga biflora. Che ambiente ostile per un fiore tanto piccolo!”  
Blandine Delenatte, gaurdaparco in Vallouise.

Lasciare l’auto al parcheggio di Entre les Aygues, alla fine della strada in fondo alla valle dell’Onde. Imboccare il sentiero all’inizio del parcheggio a sinistra. Al primo incrocio girare a sinistra sul GR54, che attraversa il torrente Onde sulla passerella in direzione "Col de l'Aup Martin". Seguire gli ometti in pietra nel letto dell'Onde e raggiungere il sentiero che costeggia il torrente Selle fino all’alpeggio di Jas Lacroix, vicino a un riparo per gli escursionisti del GR54. Continuare sul sentiero appena accennato sul fondo della valle, che compie un breve dislivello vicino a una bella cascata e prosegue in balconata sul versante a bacìo, a volte passando tra grandi muri di pietra, fino alla zona di scisti alle pendici del Colle dell'Aup Martin. La discesa si può fare per lo stesso itinerario di salita, per raggiungere Vallouise, o per il Passo della Cavale e il Pré della Chaumette, che consente di continuare sul GR54 in direzione di Champsaur. Infine è possibile raggiungere l'Argentière la Bessée dal Passo della Cavale e dalla valle del Fournel.

Transport

Stazione SNCF più vicina: l'Argentière les Ecrins (www.voyages-sncf.com)  L'Argentière les Ecrins / Vallouise: autobus (www.05voyageurs.com) o 0033(0)4 92502505 o taxi (Taxi Pellegrin 0033(0)6 98881778 / Taxi Billau 0033(0)6 08034590) Vallouise / Entre les Aygues: navetta da prenotare almeno 36 ore prima (0033(0)4 92502505) o taxi (Taxis-Ecrins-Pelvoux 0033(0)4 92234248 / 06 62 13 34 30).

Accesso

Nel paese di Vallouise imboccare di fronte alla chiesa la stradina a destra in direzione di Le Villard e Puy Aillaud. A Villard de Vallouise proseguire diritto sulla stradina che attraversa la borgata e si infila nella valle dell'Onde, passa davanti alla cappella di Béassac e finisce nel parcheggio di Entre les Aygues. Attenzione: questa stradina è chiusa durante l’inverno e viene aperta più o meno tardi in primavera, in base al rischio valanghe.

Ufficio Informazioni

Casa del Parco dello Vallouise

Informazioni, documentazione, modelli, mostre, proiezioni, vendita di prodotti e opere del Parco. Visite guidate per le scuole, prenotazione obbligatoria. Il nuovo Park House inaugurato nel Vallouise dal 1 ° giugno, e offre ai visitatori una mostra permanente interattiva che invita a esplorare la zona e il suo patrimonio. Uno spazio espositivo temporaneo consentirà una rinnovata offerta. Infine, il dispositivo è completato da una sala audiovisivi per organizzare proiezioni e conferenze Ingresso gratuito. Tutte le animazioni del Parco sono gratuite salvo indicazione contraria.


05290 Vallouise

Sito web - Email - 04 92 23 58 08

Lat: 44.84641, Lng: 6.48839

Questo itinerario si snoda nella parte centrale del Parco Nazionale, siete inviatati a leggere le regole di accesso.

Cliccare per interagire con la mappa

Sul percorso...
Flora
La betulla bianca

Sulle rive dell'Onde, appena attraversata la passerella, il sentiero in ciotoli si infila tra le betulle, facilmente riconoscibili dalla sottile corteccia bianca che, contenendo catrame, rimane intatta anche quando il legno è già putrefatto da tempo. Nelle regioni boreali fu uilizzata come pergamena e come tannino, mentre nelle nostre zone era utilizzata soprattutto per confezionare delle scope utilizzando i rami giovani.

Feuille de bouleau
Fauna
La zygaene transalpina

Fa parte del gruppo di trenta specie di zygaene presenti in Francia. Una piccola falena dal volo diurno, con ali allungate e macchie rosse su uno sfondo nero talvolta tendente al blu. I colori vivaci avvisano gli eventuali predatori della loro tossicità. Questa falena è in grado di carpire dalle piante ospiti dei composti chimici simili al cianuro, per poi secernere questo veleno attraverso la bocca e le articolazioni nel momento del pericolo.

Zygène transalpine
Flora
Il senecione mezzano 

Non passa inosservato ai lati del sentiero nel mese di giugno, con i suoi grandi fiori gialli come il sole. Le foglie carnose e grigiastre sembrano essere cresciute attraverso una tela di ragno. A fine luglio il senecione mezzano è irriconoscibile: le foglie sono diventate verdi e hanno perso la peluria grigia, mentre i fiori, appassiti, hanno lasciato il posto ai desakènes (semi) dotati di un’egretta bianca che ne permette lo spargimento per mezzo del vento. Gli anziani le paragonavano alla capigliatura di un vecchio (“senex” in latino), da qui il nome di senecione.

Séneçon doronic
Flora
L'euforbia cipressina

Chiamata anche erba lattona a causa del liquido bianco e appiccicoso che fuoriesce dai tagli, un lattice tossico e irritante. La si riconosce facilmente dalle foglie strette e molli e dai fiori particolari, con colori cangianti, raggruppati in infiorescenze. Osservandola da più vicino si distingue nel centro una sorta di “coppa” composta da due brattee, un fiore femmina ridotto a una pallina (l'ovario), e dei fiori maschi, ognuno ridotto a uno stame e quattro ghiandole nettarifere a forma di croissant.

Euphorbe faux cyprès
Fauna
Il grillo "Popeye"

Nell’alpeggio nel mese di agosto decine di grilli saltano e si confondono tra l’erba a ogni nostro passo. Tra tutti i grilli il più curioso è sicuramente il gomphocerus sibiricus, nome che deve alla sua grande resistenza al freddo. Il maschio è anche soprannominato “grillo Popeye", perché le sue zampe anteriori sono dilatate come delle ampolle. Senza questa caratteristica anatomica e senza il suo lungo e uniforme “crè-crè-crè-crè”, che si conclude con qualche "crè" isolato che il grillo ripete per attirare una femmina, potrebbe passare inosservato, mimetizzato tra il verde e il marrone del prato.

Gomphocère des alpages
Flora
L'ontano verde

L'arbusto cespuglioso forma inestricabili grovigli, rifugio ideale per uccelli e camosci che vi cercano frescura e tranquillità. L’ontano verde è un pioniere, che non ha paura di installarsi nei terreni ripidi e poveri. Le sue radici resistenti gli permettono di aggrapparsi laddove tutto scivola via. La sua flessibilità gli consente di curvarsi sotto il peso della neve, permettendo alle valanghe di scivolargli sopra. Gli amenti maschio giunti a maturità penzolano, esponendo il giallo pallido dei giovani fiori. Gli amenti femmina danno frutti caratteristici, delle specie di piccole pigne prima verdi poi marroni, che resistono tutto l’anno.

Aulne vert
Fauna
Il codirosso spazzacamino

Il Signor Codirosso spazzacamino sfoggia un piumaggio grigio con una macchia bianca sulle ali,  coda e codrione rossi. Uccello piuttosto diffuso e attivo, ama gli ambienti rocciosi e caccia instancabilmente gli insetti in volo o a terra. Lancia brevi grida di allarme flettendo le zampe, appollaiato su una roccia o un muro di pietre. Il suo canto ciarliero alternato a un rumore come di "spiegazzamento di carta” è caratteristico. Parzialmente migratore, rimane in quota durante l’estate, ma scende poi a valle per trascorrere l’inverno.

Rougequeue noir mâle
Fauna
Il camoscio

In estate, nelle ore più fresche della giornata, si possono osservare i camosci occupati a brucare. Quando il sole scalda la valle, preferiscono coricarsi all’ombra degli ontani o rimanere sui nevai. Olfatto e udito particolarmente sviluppati fanno si che sia molto difficile avvicinarsi. Tanto vale avere un binocolo per osservarli! Se le corna sono molto piegate si tratta di un maschio, se invece sono aperte è una femmina. Se non sono più lunghe delle orecchie si tratta di un esemplare giovane, entro il secondo anno di vita. Se le corna spuntano a malapena, allora è un capretto.

Chamois mâle dans le vallon de Celse Nière
Pastoralismo
La pastorizia nella valle della Selle

Tra il Colle dell’Aup Martin e Entre les Aygues la valle della Selle forma l'alpeggio comunale di Vallouise che durante l’estate è luogo di pascolo per un gregge di pecore, una mandria di mucche, qualche cavallo e gli asini che accompagnano il pastore, che non si limita a sorvegliare e guidare le pecore sull’alpeggio con l’aiuto dei cani, ma le cura anche per prevenire la zoppina, un’infezione batterica dei piedi che potrebbe essere trasmessa alla fauna selvatica.

La bergère de Jas Lacroix
Flora
Il rabarbaro alpino

Intorno alla baita dell’alpeggio il rabarbaro alpino forma un mare di verde acceso. Questa specie condivide con il Farinello buon-enrico e con l’ortica un gusto smodato per il concime abbondante. Cresce quindi in vasti, fitti tappeti nei luoghi frequentati dalle greggi e intorno alla baita dell’alpeggio dove, con il suo vigore di germinazione e l’ombra umida delle ampie foglie, elimina la maggior parte degli altri vegetali. Sullo stelo il capo fiorale che pare un cero è composto da tantissimi fiori verdastri che, una volta giunti a maturazione, diventeranno dei frutti marroni e triangolari. E’ un rabarbaro selvatico del quale si possono cucinare i peduncoli delle foglie, carnosi, succosi e aciduli.

Rhubarbe des moines
Fauna
Lo stambecco, una specie sopravvissuta

Di fronte al pericolo lo stambecco non fugge ma si rifugia su una parete rocciosa, sulla quale si sente al sicuro. Una strategia che per millenni gli ha permesso di fuggire ai predatori della natura, ma che si è rivelata inefficace di fronte all’uomo dopo l’invenzione della balestra e del fucile. Il risultato è stato il rischio di estinzione nel XIX secolo. La specie è sopravvissuta solo grazie alla protezione messa in atto dall’Italia, che ha creato una riserva reale in quello che sarebbe poi diventato il Parco nazionale del Gran Paradiso.

Quatre bouquetins dans le massif des Cerces
Fauna
Lo stambecco delle Alpi

Nel 1995 sono stati reintrodotti nel Champsaur degli stambecchi. Da allora la popolazione cresce lentamente e popola progressivamente le valli del massiccio. Un piccolo gruppo di stambecchi viene a trascorrere la bella stagione tra le falesie della valle di Chanteloube, che sovrasta l’alpeggio di Jas Lacroix, sul lato sinsitro.Quasi sempre abbarbicati sulle rocce sono difficilmente visibili, ma dalla collinetta sopra la baita con una vista acuta si può avere la fortuna di vederli tra le rocce. 

Jean-Philippe Telmon anime une sorties observation des bouquetins
Pastoralismo
La baita dell’alpeggio e il rifugio per gli escursionisti

La baita dell’alpeggio di Jas Lacroix è il luogo in cui il pastore vive durante il periodo estivo, dove raduna il gregge per contare o curare le bestie. A destra della baita c’è un rifugio per gli escursionisti del GR54, tenuto in ordine da un volontario della valle. Vogliate lasciarlo pulito come vorreste trovarlo entrandovi.

La cabane de Jas-Lacroix
Fauna
Il merlo acquaiolo

Tarchiato, con la coda corta, il becco affilato, una zona bianca dal mento al petto, il resto del piumaggio tra il rosso e il grigio ardesia, ecco il ritratto di questo meraviglioso uccello dei torrenti. Posato su un sasso parzialmente sommerso, il merlo acquaiolo si bilancia con la coda diritta. Eccolo improvvisamente che si immerge nell’acqua tumultuosa, la testa per prima. Cammina sul fondale, controcorrente, alla ricerca di cibo: piccoli invertebrati acquatici che scova spostando di ciotoli con il becco.

031302
Flora
L’astratia minor

Sulla cima di uno stelo diviso, sottile e fragile si agitano alla minima brezza quattro o cinque stelle bianche. L’astratia minor da, con le sue ombrelle, un tocco di colore ai luoghi ombreggiti in cui fiorisce, sotto gli arbusti. Le foglie a ventaglio, finemente dentellate, tentano di emergere dalla vegetazione in punta al lungo peduncolo.

003309
Fauna
Le rane rosse

Oltrepassata la cabane di Jas Lacroix, non lontano dal sentiero che porta al colle, un laghetto ospita delle rane rosse, le più diffuse in montagna. Possono vivere fino a 2800 m di quota, un vero record! La rana rossa ha una bella maschera color cioccolato intorno agli occhi color oro.

010449
Flora
La saxifraga rivularis

Ai bordi delle acque limpide dei ruscelli tappeti di stelle gialle attirano l’attezione. I giovani fiori sono prima maschi e hanno solo dieci stami e un largo disco lucente, pieno di nettare. Più tardi, una volta che gli stami sono caduti, diventano femmine e due piccoli lobi compaiono al posto del disco nettarrifero, pronti ad accogliere il polline di una vicina più giovane. E’ il fiore prescelto dal parnassius phoebus, una farfalla rara e protetta, per mettere al riparo le uova e nutrire le larve.

002781
Flora
Il mirtillo

Questo arbusto non si avventura affatto sotto il livello degli ultimi alberi e forma grandi distese, in compagnia di altri arbusti. Le foglie finemente dentellate, di colore verde chiaro, il legno sempre verde e i frutti neri, succosi e dolci, che colorano la lingua di viola, rendono il mirtillo riconoscibile dai suoi cugini. Le bacche sono un vero e proprio tesoro della montagna, che può essere utilizzato in svariati modi, sia in cucina che in medicina.

011082
Pastoralismo
I bovini

La valle dellla Selle è l'alpeggio comunale di Vallouise, in cui gli allevatori portano le bestie durante l’estate. L’alpeggio è diviso in più zone, dove pascolano ovini, bovini e equini. Ogni gruppo si sposta in funzione della crescita dell’erba, mischiandosi poco o niente agli altri.

018357
Flora
L’alchemilla alpina

Dal fogliame lussureggiante, elegante con i suoi folioli (da cinque a sette) e con un infiorescenza sobria, ecco il “piede di leone”, una piccola pianta che si vede spesso ai lati del sentiero. Il soprannome deriva dalla superficie inferiore argentata delle sue foglie. I fiori non attirano molto gli insetti, e l’alchemilla alpina non ne ha bisogno per l’impollinazione; i semi infatti si formano spontaneamente, senza fecondazione: è l’apogamia. Sarà per questo motivo che l’alchemilla alpina è utilizzata in infusione dalle donne di montagna praticamente in tutti i campi della ginecologia?

026417
Fauna
Le formiche rosse

Una cupola di fuscelli brulica di vita al bordo del sentiero: un formicaio in piena attività ! Un formicaio ospita in media 300.000 formiche rosse. Questo insetto sociale è un esempio di perfezione: potenti mandibole per scavare, tagliare, trasportare, delle antenne per comunicare e orientarsi, tre paia di zampe antiscivolo per spostarsi, due occhi sfaccettati per vedere il mondo come in un caleidoscopio, un’armatura di chitina per proteggersi e una riserva di acido formico per attaccare. Una piccola esperienza: posate la mano rasente al formicaio, senza toccarlo, lasciate reagire le formiche e toccate la mano con la punta della lingua: acido formico!

030041
Flora
Il raperonzolo alpino

Raperonzolo sarà anche una star delle fiabe dei fratelli Grimm e poi di Walt-Disney, ma è prima di tutto un bel fiore blu! Salendo verso il  Colle dell’Aup Martin, nei prati e tra le rocce si può ammirare il raperonzolo emisferico. Una pallina di petali e di stami arruffati, di un blu violetto brillante, è abbarbicata in cima a un corto stelo e circondata da lunghe e sottili foglie.

002570
Fauna
La marmotta delle Alpi

Dietro una curva del sentiero, una marmotta fa sussultare un escursionista con il suo fischio acuto! Vive in famiglia, composta da una coppia di adulti dominanti e di esemplari subordinati nati da cucciolate successive. La toilette, i giochi e le zuffe assicurano la coesione del gruppo e il rispetto della gerarchia. Ognuno partecipa alla delimitazione del territorio depositando sterco e urina ai confini e fregando le guance contro le rocce per lasciare il proprio odore.

056039
Flora
La peverina alpina

Da un tocco di colore alle pietraie in quota su cui la neve tarda a sciogliersi. Attaccata e accovacciata contro la roccia, sorprende gli escursionisti che ne ammirano le foglie delicatamente vellutate e i fiori bianco puro in questo contorno grigio. Come è possibile che la peverina alpina abbia una fioritura così esuberante in un ambiente tanto ostile? Sotto l’ammasso di pietre questo fiore sviluppa un’importante rete di radici che gli permettono di attingere le risorse vitali dal terreno impregnato d’acqua di fusione della neve. Produce anche dei ranuncoli morbidi e rampanti, che riescono sempre ad arroccarsi nella pietraia.

010340

Profilo altimetrico

Quota (m)

Min : 1599 m - Max : 2735 m

Distanza (m)

 

Consigli

Informarsi presso la sede del parco (0033(0)4 92233231) o l’ufficio del turismo (0033(0)4 92233612) per conoscere lo stato di innevamento del colle. Se c’è ancora neve munirsi di ramponi per raggiungere il colle. Non disturbate il lavoro dei pastori e non turbate la loro tranquillità all’alpeggio di Jas Lacroix.

Ulteriori informazioni

Marcature
  • Marcature GR GR